Google+

Come Migliorare la Memoria con la Meditazione


Non sarebbe bello se riuscissimo di nuovo ad apprendere come facevamo da bambini ?

Da piccoli, abbiamo una capacità di apprendimento e memorizzazione eccezionali, semplicemente perché siamo curiosi e completamente presi da ciò che ci accade.

Man mano che cresciamo, incominciamo ad essere distratti dagli eventi della nostra vita. Siamo presi da mille impegni, mille preoccupazioni, a volte sogniamo ad occhi aperti o pensiamo a lungo a cosa ci è accaduto il giorno prima.

Siamo sempre meno presenti durante il momento che conta di più: il momento che stiamo vivendo.

Quando la nostra mente non vive a pieno il momento presente, non riusciamo a ricordare bene ciò che ci accade. Ti è mai capitato ?

La meditazione è di enorme aiuto nel processo di memorizzazione a breve e a lungo termine, in quanto aumenta la nostra capacità di concentrarci su ciò che ci stà accadendo.

Migliorare la memoria con la meditazioneGrazie all’aiuto delle tecnologie di scansione celebrale, sappiamo oggi che la meditazione modifica le funzioni e la struttura stessa del cervello, aumentandone le potenzialità di memorizzazione.

Uno studio effettuato nel 2005 presso il Massachussetts General Hospital, negli Stati Uniti, dimostrava come la meditatione, praticata per soli 40 minuti al giorno, facesse diventare più spesse le parti della corteccia celebrale responsabili dell’attenzione e dei processi di decisione e memorizzazione.

Era un risultato eccezionale perchè, a differenza di studi precedenti condotti su monaci buddisti, si dimostrava che non era necessario meditare tutto il giorno per ottenere benefici importanti.

Altri esperimenti sono stati condotti per scoprire se la meditazione potesse addirittura invertire il processo naturale di perdita della memoria.

Uno di questi esperimenti è stato condotto da Dharma Singh Khalsa, il direttore della Fondazione per la ricerca e la prevenzione dell’Alzheimer in Tucson, negli Stati Uniti, su pazienti di età compresa fra i 52 e i 77 anni, tutti con problemi di memoria.

Ai partecipanti veniva i dato un CD di meditazione e veniva chiesto di praticare nelle loro case una tecnica conosciuta come Kirtan Kriya. La pratica doveva essere eseguita per otto settimane, ogni giorno per 12 minuti al giorno.

Ad un gruppo di controllo veniva chiesto invece di ascoltare due concerti di violino di Mozart per un totale di dodici minuti al giorno, sempre per otto settimane.

Alla fine dei due mesi, chi aveva meditato mostrava di aver ottenuto maggiori benefici rispetto a chi aveva semplicemente ascoltato la musica classica, e in particolare un maggiore incremento dell’afflusso di sangue al cervello e migliori risultati ai test di attenzione, memoria e capacità cognitive.

Davvero una notizia confortante per tutti gli smemorati lì fuori.

Ancora non ti ricordi dove hai messo le chiavi di casa?

 

Comincia a migliorare la tua memoria da subito. Clicca qui >>



Condividi i Tuoi Pensieri…