Google+

3 Miti da Sfatare e Alcune Verità Sulla Meditazione


Sulla meditazione è stato scritto davvero tanto, sia sulla meditazione guidata che su quella non, su giornali, riviste specializzate, libri. 

Eppure rimane ancora un argomento relativamente poco conosciuto e a volte frainteso.

Molti di noi, spesso, credono di essere troppo occupati o troppo stressati per sedersi e stare immobili a “non far niente”, ma ti assicuro che una mente attiva non rappresenta affatto un ostacolo alla meditazione.

Prima di iniziare a fare “omm”, vediamo quindi quali sono i falsi miti più comuni su questa pratica antichissima.

Una preoccupazione di cui spesso sentiamo parlare riguardo la meditazione, è quanto sia difficile liberare la propria mente dai pensieri prima di incominciare.

E questo ci porta a parlare del primo mito comune sulla pratica meditativa, ossia:


Mito #1: La meditazione è difficile


Spesso si sente dire che la nostra mente è come una scimmia che salta da un albero all’altro senza sosta, alla costante ricerca di più banane.

Meditazione Guidata


Per calmare questo “primate irrequieto” ed iniziare a meditare, abbiamo bisogno di esercitare su di esso un certo grado di sforzo e di controllo, cosa che perfino molti studenti seri di meditazione possono avere difficoltà a fare.

Fortunatamente, c’è un modo piuttosto semplice per placare la nostra mente quando è irrequieta, un qualcosa che chiunque può facilmente utilizzare, ossia i suoni Binaurali.

Questi suoni sono incisi con una tecnica di registrazione tridimensionale. Possono regolare le onde celebrali portandole verso determinate frequenze e farle stazionare lì per un certo lasso di tempo, rendendo più facile la meditazione e il raggiungimento di uno stato di profonda tranquillità e lucidità.

E’ una esperienza davvero speciale che è stata descritta da molti grandi pensatori e studiosi nel corso della storia.

Meditazione


L’accesso alla meditazione è una capacità che possediamo TUTTI. Allora, perché abbiamo bisogno di un aiuto?

Beh, è a causa della vita che conduciamo.

Oggi giorno, il nostro cervello è bombardato ogni minuto da innumerevoli stimoli esterni.

Il nostro stile di vita moderno, richiede e consuma la maggior parte della nostra attenzione solo per elaborare la grande quantità di informazioni e di stimoli che riceviamo.

E così, invece di iniziare la giornata con una sessione di meditazione per rilassarci, molti di noi incominci ano la loro routine di controllo di e-mail o messaggi sul cellulare, non rendendosi conto di quanto sia facile e benefico entrare per un po’ nello stato meditativo e affrontare gli impegni quotidiani con una mente rilassata e lucida.


Mito # 2: Ci vuole molto tempo per controllare la meditazione


“Quanto tempo mi ci vorrà per essere bravo nella meditazione?” E’ un’altra delle domande più frequenti che la gente si pone.

Molti ritengono che la meditazione richieda una disciplina rigorosa e molte ore di pratica per ottenere risultati. Altri invece già si dividono frà così tanti impegni professionali e personali che si chiedono se mai avranno tempo per imparare a meditare con successo.

Perfino meditatori seri, a volte, possono sentirsi frustrati nel tentativo di raggiungere la concentrazione e applicare tecniche di meditazione particolarmente difficili.

Fortunatamente, la neuroscienza e la tecnologia ci mostrano quanto alcune tecniche specifiche come i suoni binaurali possono aiutare ad ottenere risultati più rapidamente.

E  questi risultati sono davvero notevoli. Diversi studi dimostrano l’impatto positivo nella vita quotidiana di una buona meditazione,vale a dire una maggiore crescita dell’indice di intelligenza e creatività, un tempo di reazione più breve e perfino un miglioramento nella capacità di risoluzione dei problemi. Altri benefici osservati includono la normalizzazione della pressione sanguigna e una riduzione significativa dei livelli di ansia e depressione.


Mito # 3: Tutte le tecniche di meditazione sono sostanzialmente le stesse


Con l’emergere di sempre più studi sulle diverse tecniche di meditazione nelle università e nelle scuole di medicina di tutto il mondo, l’idea di un approccio comune alla meditazione è stata definitivamente sepolta (puoi accedere a molti di questi studi sul sito www.PubMed.org).

La meditazione è parte integrante di molte grandi tradizioni di tutto il mondo e le sue origini sono da far risalire a tempi antichissimi. Questa è una delle ragioni per cui le pratiche di meditazione possono variare nella loro semplicità ed efficacia.

Molti ritengono che la meditazione aiutata dalla musica e dai suoni binaurali sia l’approccio più naturale e benefico per la salute, la crescita spirituale e la connessione tra mente e corpo.

Qualunque sia la tecnica meditativa che meglio si adatta a te, non farti scoraggiare dai falsi miti sulla meditazione.

Prima cominci e prima ti godrai i benefici che ne derivano.

Al tuo nuovo equilibrio,

Paul


P.S. Pronto ad abbattere di persona questi falsi miti sulla meditazione uno ad uno? Allora clicca qui >>


Condividi i Tuoi Pensieri…