Google+
Lezione 4
Lezione 5
Lezione 6
Lezione 7

Lezione 3: Benvenuto al Mini-Corso Gratuito di Nutrizione 360



Il Tuo Ph è Alcalino? Scoprilo Subito (Bonus: Tabella Completa Cibi Alcalini)



“Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo”.

– Ippocrate


Hai mai sentito parlare di “dieta alcalinizzante” o “dieta alcalina”?

Se hai fatto qualche ricerca sul web su come mangiare in modo più sano, probabilmente hai già letto qualcosa.

Ma di cosa si tratta esattamente?

É un regime alimentare che si basa sul presupposto secondo cui la maggioranza delle malattie che colpiscono l’ organismo sono causate da un’ alterazione del nostro pH.


Scopri Qui Tutti i Dettagli con il Corso Completo Nutrizione 360 »


Il funzionamento del nostro organismo si basa sul delicato rapporto acido/basico e quando tale equilibrio viene meno, in particolare se l’ambiente in cui vivono le nostre cellule diventa molto acido, questa acidità penetrerà all’interno delle cellule alterando il pH del nucleo e creando terreno fertile per le malattie più o meno gravi, a partire dal comune raffreddore, fino al cancro.

Ora…scommetto che ti stai chiedendo come fare in modo che il tuo ph non diventi troppo acido , giusto 😉 ?

La risposta è dentro 3 semplici fattori: colazione, pranzo e cena. Sì, perché la prima causa di acidità nell’organismo è causata dall’assunzione di alimenti acidificanti.

Come dice Ludwig Feuerbach “Siamo ciò che mangiamo” e il cibo che introduci ogni giorno nel tuo corpo influisce molto più di quel che immagini.


Generalmente sono ritenuti acidificanti i cibi contenenti zucchero e lievito, gli alimenti fermentati, raffinati o fortemente trattati.

Ma anche la maggioranza dei cereali è considerata acidificante, come farro, grano, orzo, riso e i loro derivati, compresa la pasta ed il pane. Anche alcuni legumi sono classificati come acidificanti come ceci e fagioli, ma anche lo zucchero, il miele, la carni rosse e i salumi.

Come fare allora? Come capirci qualcosa? Ecco una tabella che ti semplificherà la vita 🙂



Clicca qui per scaricare la tabella e attaccala subito al frigo »


Attenzione: seguire la dieta alcalina non significa eliminare totalmente gli alimenti acidificanti dalla tua alimentazione, quanto piuttosto ricercare un equilibrio tale da evitare l’acidosi.

L’ideale sarebbe mantenere il rapporto tra cibo alcalino e cibo acido a 2:1, ovvero due parti di cibo alcalinizzante contro 1 di quello acidificante.

E ora… se ti stai chiedendo come capire se il tuo organismo è entrato in uno stato di acidosi ecco due semplici modi:


1. Un metodo semplice e rapido è munirsi di cartina tornasole (si trova facilmente in farmacia) e misurare il ph delle proprie urine. Se la cartina diventa di colore blu, il pH sarà basico, se giallo-arancio sarà acido.


2. Osservati. Ecco alcuni sintomi di acidosi: presenza di gas, alito cattivo, bruciore, intestino irritabile, stitichezza, intolleranze, allergie, gengive infiammate, candida, dolori articolari, influenze continue..



La bella notizia è che esiste una soluzione tanto semplice quanto potente che adottata giorno dopo giorno ti porterà straordinari benefici (molto più grandi di quelli che ti aspetti!).

E la scopriremo insieme nel prossimo approfondimento gratuito 😉

Pensa che tra i più immediati noterai subito una pelle più luminosa, regolarità intestinale e diminuzione dei gonfiori addominali, miglioramento dell’umore e sì, perdita di peso senza sforzo.

Mica male eh 😉 ?!


Per Scoprire i Modi Più Efficaci per Riequilibrare nel Profondo il Tuo Corpo, Ringiovanire a Livello Cellulare ed Eliminare Tutti Quei Fastidiosi Disturbi, Clicca Qui »