Dieta e allenamento
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Spesso, decidiamo di allenarci per non dover rinunciare a mangiare quello che vogliamo. Altre volte, ci mettiamo a dieta per perdere peso evitandoci di fare troppa fatica. Diciamo che dipende dalla personalità di ciascuno di noi, ma ciascuna di queste due scelte è sbagliata! Per dimagrire bene e rimettersi in forma in modo efficace, dieta e allenamento devono andare di pari passo, e bisogna imparare a gestire l’alimentazione in base all’attività fisica che facciamo!

Chiaramente, non stiamo parlando di una dieta specifica per chi si vuole allenare. Una dieta generale va comunque adottata, e rimettere in ordine il proprio metabolismo è fondamentale.

Ma se è vero che dieta e allenamento vanno di pari passo, è anche vero che abbiamo bisogno di prepararci a ogni allenamento assumendo la giusta quantità di energia ma senza mangiare tanto da appesantirci o, peggio, da star male mentre fatichiamo!

Dieta e allenamento: un equilibrio da tenere!

Non pensiamo all’attività sportiva agonistica, ma a un movimento da poter compiere quotidianamente. Ovviamente il moto quotidiano non potrà essere troppo intenso, portato all’estremo tutti i giorni, altrimenti andiamo accorto a dolori, ai DOMS, quel tipo di dolore che poi non ti consente di allenarti con serenità nei giorni successivi.

E’ importante mangiare per nutrire il corpo prima del nostro workout. Dobbiamo essere bravi a capire quanto mangiare per avere energia ma dobbiamo anche essere capaci di mantenere la pancia “vuota”. Se vogliamo fare esercizio non dobbiamo mangiare troppo, altrimenti staremo male.

Quando terminiamo un pasto abbondante, magari pro-infiammatorio come un bel piatto di pasta al ragù, ci alziamo da tavola che stiamo ancora digerendo. Avremo difficoltà anche solo a pensare di fare movimento, e non riusciremo mai a dimagrire come vogliamo!

Il connubio dieta e allenamento significa anche oculatezza: mai fare moto con lo stomaco vuoto, ma mangiare poco e cibi specifici, che ci diano il giusto apporto delle sostanze che ci servono!

Dobbiamo fare un piccolo spuntino che ci dia l’energia pronta di cui abbiamo bisogno.

Parlando di “energia pronta” posso immaginare di estremizzare con dell’acqua e zucchero: qualcosa che entra nell’organismo e velocemente mi da una carica, una spinta alla glicemia.

Idealmente l’acqua e zucchero non impegnerebbe troppo lo stomaco e l’intestino, il saccarosio disciolto nell’acqua diventa ancora più veloce nell’assorbimento, e può entrare velocemente all’interno del sangue.

A quel punto avremmo una glicemia alle stelle ma anche tanta energia!

Però quando ho una glicemia così alta l’insulina si alza velocemente, e quello che ne risulta è una violenta forzatura metabolica. Questo zucchero entrerebbe nelle cellule, che sono incapaci di metabolizzarlo velocemente e tutto insieme. Tornerebbe fuori, l’insulina si alzerebbe velocemente e avresti un calo della glicemia, e con esso addirittura un calo della prestazione sportiva, ottenendo l’effetto opposto a quello desiderato!

A livello metabolico, immagazzineresti gli zuccheri sotto forma di grasso, e, dall’altro lato, la necessità di bruciare energie per il metabolismo alto ci spingerebbe a consumare proteine, e quindi ad abbassare il tono muscolare!

Insomma, è controproducente: niente acqua e zucchero!

Dieta e allenamento: quanto tempo prima dobbiamo mangiare?

Beh, non più di venti minuti prima e non meno di cinque, per consumare il nostro spuntino. Abbiamo bisogno di energia pronta, ma un’energia carica di micronutrienti, per permettere al nostro organismo di metabolizzare tutto in modo semplice.

Ad esempio il magnesio, gli oligoelementi, le vitamine: sono importantissimi! Un alimento importante da prendere in seria considerazione è il miele. Dev’essere non pastorizzato, biologico e di alta qualità. Se non abbiamo voglia di mangiare del miele possiamo sostituirlo con della frutta essiccata, che fornisce altrettanta carica di energia.

A questo bisognerebbe associare un po’ di frutta secca. Non troppa: una manciata di noci, di mandorle o di anacardi.

Allora, un cucchiaino di miele e una manciata di mandorle, per esempio.

Possiamo aggiungere una tazzina di caffè senza zucchero, prima di fare allenamento. Il caffè ha da un lato un’azione diuretica, dall’altro ha un’azione beta adrenergica: aiuta a svincolare il glicogeno rendendolo glucosio, ossia energia pronta. Si tratta di un buon elemento se si vuole accostare dieta e allenamento.

Con questa combinazione avrai tutta l’energia necessaria a compiere lo sforzo quotidiano, che può essere una passeggiata, o un workout specifico per l’addome o per i glutei. Un qualsiasi tipo di allenamento che abbia una durata di 40-50 minuti.

Questo spuntino non è adatto, chiaramente, al maratoneta, ma va benissimo per un allenamento quotidiano di un’intensità medio bassa. La nostra intenzione è quella di muovere il corpo per cercare la salute, non per prepararci a una prestazione sportiva di alto livello!

Si può mangiare anche della frutta fresca, sempre con una tazzina di caffè. Il caffè, se non ti piace non è necessario: puoi farne a meno. Ricordati, invece, di consumare sempre la frutta fresca lontano dai pasti.

Ricordati di idratare il corpo: bevi sempre dell’acqua, ma non eccedere prima dell’allenamento. Il rischio è di appesantire troppo l’apparato gastrointestinale e la vescica.

E dopo l’allenamento?

Dieta e allenamento è un binomio che trova espressione anche dopo l’attività fisica, non solo prima!

Dopo l’allenamento abbiamo infatti bisogno di reintegrare con amminoacidi, proteine e grassi buoni. La frutta secca ne contiene a sufficienza, ma la formula per una sequenza alimentare ideale è sempre la stessa e dobbiamo sempre tenerla a mente!

Dobbiamo fare una colazione da re, un pranzo da principi e una cena da poveri, con degli spuntini a metà mattina e metà pomeriggio. A questo si possono aggiungere dei piccoli spuntini specifici per affrontare gli allenamenti.

Altri approcci, magari più radicali, prevedono ad esempio un digiuno intermittente. Ovviamente in questo caso non avrai la possibilità di fare uno spuntino pre-allenamento, se sei nella fase di digiuno.

Non ti preoccupare, però: il nostro corpo ha tutte le capacità di ricavare da sé stesso tutte le energie necessarie al movimento.

La vera regola dev’essere quella di riuscire ad ascoltare il tuo corpo. Il metabolismo non mente mai!

E tu, che rapporto hai con il bilanciamento dieta-esercizio fisico?

Saper gestire i 2 aspetti è fondamentale per mantenersi in salute e in ottima forma fisica.

Scopri come riuscirci in 21 giorni, nel mio nuovo video corso Omnama: ora finalmente disponibile!

 

Scopri il nuovo video corso del Dott. De Mari

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sprint Brand SLU, Plaza de los Hibiscus, 1, Edificio Águila Playa, local 3, 35100 San Agustín, Gran Canaria, Las Palmas, Espana
© 2009-2021. All Rights Reserved.

Disclaimer: Il visitatore/iscritto/membro o cliente accetta di essere l’unico responsabile di qualsiasi effetto risultante dall’ascolto degli audio Omnama e/o dall’applicazione delle tecniche descritte in questo sito e/o suggerite dal nostro supporto al cliente. Non siamo medici, psicologi, psichiatri né ci dichiariamo tali. Se dovessi avere dei dubbi sugli effetti di Omnama ti consigliamo di rivolgerti al tuo medico di fiducia, o ad altri professionisti della salute, prima di qualsiasi utilizzo.
Il 24 maggio 2018 abbiamo aggiornato la Privacy Policy e i nostri Termini e Condizioni per rispettare le nuove normative sul trattamento dei dati personali, introdotte dal GDPR. L’uso delle nostre piattaforme, conformi alle vigenti normative, ti garantisce maggiore controllo e protezione dei tuoi dati. Per qualsiasi informazione sui tuoi dati, puoi scrivere a [email protected].